I custodi della cattedrale proibita

i custodi della cattedrale proibita

Titolo: I custodi della cattedrale proibita

Titolo originale: The Venice conspiracy

Autore: Jon Trace

Genere: Thriller

Pagine: 477

Editore: Newton Compton Editori

I custodi della cattedrale proibita è un libro del 2010 di Jon Trace, ambientato in una Venezia ricca di mistero e colpi di scena. Padre Tom Shaman conduce una tranquilla vita a Los Angeles fino alla sera in cui, per difendere una ragazza da un tentativo di violenza,  uccide tre membri di una gang locale durante una rissa. A seguito del crimine commesso il sacerdote decide di abbandonare gli abiti talari e di trasferirsi temporaneamente a Venezia per allontanarsi dalle pressioni mediatiche e cercare di lenire i propri sensi di colpa, ma il ritrovamento proprio da parte sua di un cadavere legato ad uno dei ponti della città gli farà invece incrociare le strade del capitano Vito Carvaio e della bella tenente Valentina Morassi. Tom viene infatti chiamato a testimoniare, ma soprattutto ad affiancare i poliziotti italiani per risolvere al più presto un caso intricato che sembra sempre più legato al terrorismo e alle sette sataniche. In una corsa contro il tempo tra le calle veneziane, l’autore ci riporta anche indietro nel tempo, nell’Etruria settentrionale del 666 a.C. per narrarci la storia di Teucro e Tetia, un sacerdote e sua moglie che saranno indissolubilmente legati ad un oggetto magico, chiamato da tutti “Le porte del destino” che avrà un ruolo centrale anche nella narrazione presente.

Il romanzo è scritto in maniera scorrevole e coinvolgente ed approfondisce anche gli usi ed i costumi di un popolo (quello degli Etruschi) che solitamente non trova molto spazio a livello letterario.

Il marchese di Roccaverdina

Titolo: Il marchese di Roccaverdina

Titolo originale: Il marchese di Roccaverdina

Autore: Luigi Capuana

Editore: Oscar Mondadori

Pagine: 272

Genere: Narrativa

 

Il marchese di Roccaverdina fu pubblicato per la prima volta nel 1901 ed è considerato uno dei capolavori di Luigi Capuana. Ambientato in una Sicilia rurale post-unitaria, il romanzo oppone il capitalismo nascente alla difesa dei privilegi nobiliari. Dallo stile scorrevole, catapulta il lettore in una terra, la Sicilia, tanto bella quanto aspra.

Il Marchese convive da anni con Agrippina Solmo, una domestica divenuta sua amante e quasi signora del palazzo in cui abita. Poichè all’epoca era impensabile che un uomo di origini aristocratiche decidesse di sposare una ragazza umile, il protagonista ordina al suo fattore, Rocco Criscione, di contrarre un matrimonio “di facciata” con la giovane e di convivere con lei come se fossero solo fratelli. Successivamente il corpo di Criscione viene ritrovato senza vita e nel paese iniziano a girare strane voci su quanto accaduto e la colpa dell’omicidio ricade su un certo Neli Casaccio. Il Marchese, colpito dagli avvenimenti, sprofonda lentamente in una depressione che si trasforma ben presto in follia.

Dal romanzo di Capuana è stato tratto anche un adattamento cinematografico, “Gelosia” del 1942 con Roldano Lupi e Luisa Ferida.

Il corpo umano

Titolo: Il corpo umano

Titolo originale: Il corpo umano

Autore: Paolo Giordano

Editore: Mondadori

Genere: Narrativa

Pagine:309

“Il corpo umano” è il secondo romanzo di Paolo Giordano, autore de “La solitudine dei numeri primi” (2008) col quale aveva ottenuto numerosi riconoscimenti tra i quali il Premio Strega ed il Premio Campiello Opera Prima. Questo secondo romanzo si discosta molto dall’ambientazione del suo romanzo d’esordio, approfondendo le vite di un plotone di giovani soldati durante una missione in Afghanistan. Sotto la guida del maresciallo Antonio Renè, si aggregheranno al tenente medico Alessandro Egitto che li attende presso la Forward Operating Base (FOB) all’interno della quale ricostruiranno la loro vita quotidiana fatta di amicizie, scherzi e ricordi.

La narrazione procede in maniera corale, alternando momenti di spensieratezza al dramma e delineando molto bene lo stato d’animo dei protagonisti, nonché il sentimento nei confronti di una guerra sanguinosa e contemporanea.

 

Imprimatur

Titolo: Imprimatur

Titolo originale: Imprimatur

Editore: Baldini & Castoldi

Autore: Rita Monaldi e Francesco Sorti

Genere: Romanzo storico

Numero pagine: 670

 

Imprimatur è il primo libro della serie incentrata sul personaggio dell’abate Atto Melani, ex cantante castrato ed agente segreto del re Sole. La vicenda si svolge nel settembre del 1683: in una locanda nel cuore di Roma uno dei pigionanti muore improvvisamente, costringendo le guardie a rinchiudere gli ospiti rimanenti nella pensione, destinandoli alla quarantena. Tra di loro vi è proprio Atto Melani che deciderà di condurre un’indagine, aiutato dal garzone della locanda che terrà un minuzioso diario dell’inchiesta, riuscendo infine a giungere alla soluzione finale nella quale s’intrecciano religione, politica ed affari. Romanzo barocco, sia per quanto riguarda il linguaggio che l’ambientazione e la descrizione della magnifica Città Santa, Imprimatur ha l’eleganza ed il linguaggio tipico dei libri di un tempo.

Al centro di polemiche e di una pubblicazione all’estero, il primo romanzo di Rita Monaldi e Francesco Sorti è già un successo internazionale. Completano la saga Secretum (2002), Veritas (2004), Mysterium (2011) e Dissimulatio (2011), nonché due romanzi che insieme agli altri daranno vita ad una sentenza latina: “Imprimatur Secretum, Veritas Mysterium. Dissimulatio Unicum Opus”.

I venti del destino

dsc_0158

Titolo: I venti del destino

Titolo originale: The Weeping and the Laughter

Editore: Sperling & Kupfer

Autore: Noel Barber

Genere: Romanzo

Numero pagine: 374

 

Noel Barber ambienta il suo romanzo “I venti del destino” in una Parigi del 1919, dove il principe russo Korolev si rifugia insieme alla sua famiglia per tentare di sfuggire alla rivoluzione bolscevica. Qui i personaggi che compongono la storia ricominciano una nuova  e brillante vita: la figlia Galina diventa una star affermata della danza classica, mentre il figlio Nicki si dedica alla causa dei profughi russi, innamorandosi della bella Tasha che sembra però nascondere un segreto… La storia viene narrata con maestria ed in maniera decisamente scorrevole, catapultando il lettore in un’epoca di grandi cambiamenti storici.

Barber fu uno scrittore e giornalista britannico, nonché inviato del Daily Mail. Morì nel 1988 ed oltre a “I venti del destino” pubblicò anche “Una donna del Cairo”, “L’altra metà del paradiso”, “Tanamera”, “I giorni dell’addio”e le “Le figlie del principe”.

 

 

Brutta!

img_20161017_163311

Titolo: Brutta!
Titolo originale: Ugly
Autore: Constance Briscoe
Editore: Corbaccio
Genere: Storie Vere
Pagine: 334

Brutta è la storia vera di Constance Briscoe, nata a Londra nel 1957 da una coppia di giamaicani immigrati e prima di sei figli, che ha dovuto subire sin dalla più tenera età i maltrattamenti fisici e psicologici di una madre che non l’ha mai realmente amata ma che anzi l’insultava per la sua presunta bruttezza. Picchiata, lasciata senza cibo e senza un letto su cui dormire, abbandonata a quattordici anni dalla famiglia che decide di trasferirsi in un’altra casa, Constance decide di farsi giustizia da sola, diventando nel 1996 la prima donna giudice di colore in Gran Bretagna. Si tratta di un libro molto toccante, nel quale l’insensibilità e le vessazioni della madre vengono descritte con particolare crudezza.

Dracula

img_20160927_165137

Titolo: Dracula
Titolo originale: Dracula
Autore: Bram Stoker
Editore: Newton Compton Editore
Genere: Horror, Romanzo gotico
Pagine: 379

Dracula è un grande romanzo gotico e Bram Stoker viene considerato all’unanimità il creatore del vampiro per eccellenza. Ambientato in una terra ricca di fascino e mistero, l’intreccio si svolge attraverso il racconto dei personaggi che avviene tramite i loro diari: Jonathan, Mina, Lucy, il dottor Seward ed il dottor Van Helsing danno la loro versione degli avvenimenti lasciando trapelare il timore e l’orrore per ciò che avviene attorno a loro. Dracula è sempre presente, ma anzichè essere un personaggio attivo, incombe come un’ombra minacciosa sulle vite dei protagonisti ed è indirettamente il motore dell’intera storia.
La caccia al vampiro o “Nosferatu” come viene chiamato da Van Helsing si snoda attraverso le strade di Londra, città dalla quale Dracula vorrebbe estendere il suo dominio sull’intero mondo creando un proprio esercito personale di “non-morti”, fino alla Transilvania (luogo dello scontro finale).
Dal romanzo sono stati tratti numerosi film e serie tv e Dracula ha certamente dato impulso ad una nuova letteratura che ha fatto del vampiro una figura romantica e tormentata.

IL CAVALIERE D’INVERNO

IMG_20160903_111654

Titolo: Il cavaliere d’inverno

Titolo originale: The bronze horseman

Autore: Paullina Simmons

Genere: Romanzo

Pagine: 697

Editore: Mondolibri

 

Il cavaliere d’inverno è il primo romanzo della trilogia di Paullina Simmons incentrata sulla storia d’amore tra Alexander, ufficiale dell’Armata Rossa e Tatiana, sorella diciassettenne della sua fidanzata Dasha. In una Leningrado del 1941 nella quale l’assedio tedesco ed i bombardamenti rendono la vita sempre più difficile alla famiglia Metanov (composta da genitori, nonni e tre figli) i due s’incontrano ed iniziano a provare un’attrazione irresistibile l’uno per l’altra. Tanti sono i personaggi che ruotano attorno ai due protagonisti: Dasha, la sorella maggiore di Tatiana, Dimitri, il compagno d’armi di Alexander e la famiglia Metanov, dilaniata dalla guerra e dalla fame. Ricco di colpi di scena, il romanzo è interessante anche per l’ambientazione storica. Da molti anni rumors affermano che verrà tratto un film dal libro, ma finora non è trapelata alcuna notizia certa.

Ragione e Sentimento

IMG_20160819_173456

 

Titolo: Ragione e Sentimento

Titolo originale: Sense and Sensibility

Autore: Jane Austen

Genere: Narrativa

Pagine: 416

Editore: Oscar Mondadori

 

Ragione e Sentimento fu scritto nel 1795 con il titolo originario di Elinor and Marianne e fu pubblicato nel 1811; narra le vicende delle sorelle Dashwood, Elinor e Marianne, che alla morte del padre sono costrette a fare i conti con le ristrettezze economiche e a trasferirsi nel Devonshire, a Barton Cottage, dove entrambe conosceranno le gioie dell’amore ed affronteranno il percorso per diventare finalmente donne. Marianne, diciassettenne sensibile e sognatrice, rappresenta appunto la sensibilità e vedrà il suo cuore dividersi tra Mr. Willoughby ed il più maturo e benvoluto Capitano Brandon; Elinor, diciannovenne riflessiva e saggia cercherà invece di contrastare i suoi sentimenti per il fratello di sua cognata Fanny, Mr. Ferrars, nonostante l’opposizione dei suoi familiari. Fanno da sfondo a questo bel romanzo le passeggiate in campagna, le feste a Londra e le chiacchierate tra amiche.

Dal romanzo è stato tratto un film (1995) e tre serie televisive (1971/1981/2008).

IL CORSARO NERO

IMG_20160503_111206

Titolo: Il Corsaro Nero
Autore: Emilio Salgari
Editore: Crescere Edizioni
Anno: 2012
Numero Pagine: 350

Buongiorno a tutti, oggi recensirò Il Corsaro Nero del grande Emilio Salgari! Un classico della letteratura per ragazzi, un libro che, insieme all’Isola del tesoro di Stevenson, ha fatto sognare avventure per i Sette Mari ai ragazzini di ogni tempo. protagonista come si evince dal titolo è il Corsaro Nero, un nobile italiano (al secolo il conte di Valpenta Emilio di Roccabruna) spinto dal desiderio di vendicare la morte dei suoi due fratelli, il Corsaro Rosso ed il Corsaro Verde, impiccati dal perfido governatore di Maracaybo Wan Guld come monito per la popolazione e per impedire che i cittadini si uniscano a qualsiasi ciurma di pirati. Nemmeno l’amore per la bella Honorata farà desistere il corsaro dal suo intento di vendicarsi, aiutato nella sua avventura dai fedeli Wan Stiller e Carmaux.
Lo stile è naturalmente quello di un romanzo della fine del 1800, quindi con l’utilizzo di parole talvolta arcaiche, ma è ammirevole il modo in cui Salgari si sia documentato all’epoca per poter descrivere al meglio la fauna e la flora di Maracaybo, nonché gli usi ed i costumi delle popolazioni autoctone. Dal libro è stato tratto anche un film del 1976 con Kbir Bedi e Carole André.